8giu

Internet: chiuso il blog che offende la padrona di Dudù. ‘Bavaglio eccellente’?

by Guido Scorzain Main themes 0 Comment(s)

2014-06-08 10.05.20 am

Il blog di Michelle Bonev, la “grande accusatrice” di Francesca Pascale, padrona di dudù e fidanzata dell’ex Cavalier Berlusconi è stato sequestrato per ordine della Procura della Repubblica di Roma.

La Bonev, secondo la querela presentata dalla Pascale sarebbe rea di averne offeso la reputazione ed averla indotta in uno stato di stress post-traumatico per aver ripetutamente dichiarato che la relazione che la lega a Silvio Berlusconi sarebbe una messa in scena stante la propensione che la padrona diDudù avrebbe per le donne e stanti alcune “confessioni” che l’ex Cavaliere avrebbe fatto, in passato, proprio alla Bonev sul conto della stessa Pascale.

Non è, tuttavia, questa la storia che merita di essere raccontata giacché dovrebbe già far riflettere che della vicenda abbiano finito con il doversi occupare giudici e pubblici ministeri che, probabilmente, in un momento come questo, avrebbero altro a cui pensare.

La storia che, invece, merita di essere raccontata – ignorando volutamente il contesto e le protagoniste femminili ed il pur “eccellente” protagonista maschile e resistendo alla tentazione di lasciarsi risucchiare dal vortice del gossip – è un’altra e riguarda, purtroppo, ancora una volta, la scarsa considerazione che, della libertà di manifestazione del pensiero, specie online, sembra esserci nei tribunali, complici, evidentemente, Leggi che garantiscono assai di più chi vuole che altri tacciano, rispetto a chi, invece, vorrebbe esercitare il suo sacrosanto diritto di parola, anche sul web, salvo, ovviamente, rispondere di ogni eventuale abuso.

Ma stiamo ai fatti.

Nei giorni scorsi la polizia postale ha chiesto alla Bonev di oscurare tutto il suo blog in esecuzione di un provvedimento di sequestro preventivo emesso lo scorso 3 giugno dal Giudice per le indagini preliminari della Procura della Repubblica di Roma nell’ambito dell’inchiesta che vede la Bonev sul banco degli imputati per aver diffamato e perseguitato la Pascale.

[Continua qui su Il Fatto Quotidiano]

LEAVE A REPLY

Your email address will not be published. Required fields are marked*