Salta al contenuto

Governare il futuro – Instagram, piccoli passi dalla parte dei bambini.

Non è un periodo facile in casa Facebook, sotto il fuoco incrociato di accuse che le rimproverano di anteporre il profitto agli interessi dei suoi utenti.

Ma ora Instagram, la piattaforma di condivisione di immagini e video cara anche ai più giovani annuncia alcune nuove funzionalità.

Le novità sono pensate principalmente per i più giovani anche se, a dir la verità, potrebbero essere utili anche ai più grandi o, almeno, a alcuni tra loro.

La prima si chiama, almeno provvisoriamente, “take a break”.

Fai una pausa, prenditi un po’ di tempo per pensare se stai spendendo bene il tuo tempo o potresti spenderlo meglio.

Il messaggio, stando a quanto si capisce, dovrebbe essere veicolato attraverso un’apposita pop up che dovrebbe comparire sullo schermo di alcuni utenti.

Ma non si sa ancora né quando la nuova funzionalità sarà effettivamente operativa, né dopo quanto tempo passato a spolliciare su Instagram l’invito a fare una pausa apparirà, né quale sarà il target degli utenti che lo riceverà.

Ogni invito alla riflessione e, anche, a scendere un attimo dal “treno digitale” per riconnettere la testa, probabilmente, va nella direzione giusta ma è decisamente troppo presto per esprimere giudizi sulla reale utilità dell’iniziativa senza disporre di maggiori dettagli.

L’altra nuova funzionalità, egualmente dedicata ai più piccoli, mira a invitare gli utenti teen-ager che guardano e riguardano ripetutamente contenuti che la piattaforma ritiene possano ledere al loro benessere a passare oltre, a guardare contenuti diversi, a rompere l’ossessione che talvolta si crea rispetto a un contenuto che, magari, suggerisce un certo modello estetico o che potrebbe suggerire taluni comportamenti violenti.

Nessun divieto, nessun blocco, nessuna misura restrittiva, insomma, ma, anche in questo caso, un invito alla riflessione, un invito quasi genitoriale o da fratello maggiore.

Basterà? Basteranno le nuove misure?

Continua a leggere o ascolta il podcast su HuffPostItalia.