Salta al contenuto

Privacy Daily – 14 febbraio 2022

USA: un disegno di legge volto a proteggere i bambini online riaccende la battaglia su privacy e libertà di parola

Alcuni componenti del Congresso USA hanno proposto un disegno di legge che mira a ritenere le società tecnologiche responsabili della diffusione di post che sfruttano i bambini. Ai sensi dell’Earn It Act, le aziende tecnologiche perderebbero alcune protezioni di lunga data di cui godono sotto uno scudo legale chiamato Sezione 230, aprendole a più cause legali per post di materiale pedopornografico sulle loro piattaforme.

https://www.washingtonpost.com/technology/2022/02/10/senators-earn-it-privacy-children-safety/


CMA e Google sugli impegni per la Privacy Sandbox

L’Autorità britannica per la concorrenza e il mercato ha annunciato l’approvazione degli impegni proposti da Google sulla sua sandbox per la privacy relativi alle alternative ai cookie di terze parti. Da qualche anno il colosso di Mountain View sta lavorando a una tecnologia che sia in grado di sostituire i cookie: un sistema che permetta agli utenti di preservare la propria privacy, e al tempo stesso che garantisca agli inserzionisti la possibilità di condurre campagne pubblicitarie mirate ed efficaci.

https://www.gov.uk/government/news/cma-to-keep-close-eye-on-google-as-it-secures-final-privacy-sandbox-commitments


IAB Europe appella la sentenza dell’Autorità belga per la protezione dei dati

IAB Europe ha confermato la presentazione di un ricorso contro la sentenza amministrativa dell’Autorità belga per la protezione dei dati (APD) relativa a IAB Europe e al Transparency & Consent Framework (TCF) alla Corte belga.

https://iabeurope.eu/all-news/iab-europe-to-appeal-belgian-data-protection-authority-ruling/