Salta al contenuto

Privacy Daily – 4 ottobre 2022

USA: proposto il Facial Recognition Act 2022

Riconoscimento facciale

Il membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato della California. Ted Lieu ha proposto il Facial Recognition Act del 2022. Il disegno di legge contiene disposizioni per regolamentare l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale nel settore pubblico e privato. Prevede inoltre requisiti di trasparenza, valutazioni annuali e rapporti sull’uso da parte delle forze dell’ordine. “Dobbiamo creare solide salvaguardie che forniscano trasparenza al popolo americano, prevengano algoritmi discriminatori, assicurino che gli imputati siano tutelati in un giusto processo e limitino l’uso della tecnologia solo ai casi necessari”, ha affermato Lieu.

https://lieu.house.gov/sites/lieu.house.gov/files/FRT%20One%20Pager%20FINAL%20.pdf


Australia Optus, sottratti i dati di dieci milioni di utenti

Rubati i dati a 10 milioni di clienti di telefoni cellulari Optus in Australia. Funzionari governativi hanno attribuito l’hacking a “la scarsa sicurezza informatica di Optus”, il secondo più grande fornitore di telecomunicazioni della nazione. Il ministro della sicurezza informatica Clare O’Neil ha definito l’attacco “un hack piuttosto semplice” e ha aggiunto che la società madre, la Singtel di Singapore, “ha effettivamente lasciato la finestra aperta per il furto di dati”.

https://www.washingtonpost.com/politics/police-say-hacker-concealed-id-in-australian-privacy-breach/2022/09/30/eec081d0-4074-11ed-8c6e-9386bd7cd826_story.html


Newsletter del Garante: Screening oncologici: sanzionata la Regione Lazio – App per diabetici: sanzionata società statunitense – PA: piattaforma digitale dei benefici economici, richieste più garanzie.

Il Garante per la protezione dei dati personali ha sanzionato la Regione Lazio per la somma di 100.000 euro per non avere aggiornato i dati della piattaforma utilizzata dalle Asl per l’invito agli screening oncologici. Il Garante privacy ha sanzionato per 45.000,00 euro una società statunitense, per violazioni sui dati personali nell’utilizzo del proprio sistema di monitoraggio del glucosio e per aver comunicato illecitamente indirizzi di posta elettronica e dati sulla salute di circa 2000 pazienti diabetici italiani.

https://www.garanteprivacy.it/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9809282