Salta al contenuto

Cari algoritmi, le emozioni sono una cosa seria

Spotify, una delle piattaforme di musica online più famose al mondo, nei mesi scorsi ha brevettato una soluzione tecnologica che le consentirebbe di ascoltare e analizzare quello che accade attorno al dispositivo sul quale l’app è installata e di riconoscere tra l’altro le emozioni degli utilizzatori al fine di suggerire loro la musica più indicata al loro stato d’animo.

Continua leggere su Huffington