Salta al contenuto

Governare il futuro – Avviso ai naviganti: Apple Airtag, occhio agli stalker

Lei si chiama Brooks Nader, fa la modella e ha un seguito importante sui social.

È, probabilmente, per questo che la notizia ha fatto il giro del mondo nello spazio di qualche ora pur senza avere niente di sensazionale.

Ma bene così perché rappresenta un’occasione importante per un avviso ai naviganti.

Era in un bar a New York con un amico, il cappotto poggiato sullo schienale della sedia come capita spesso, poi è uscita dal bar, ha proseguito la sua serata.

Qualche ora più tardi, sulla strada di casa, ha ricevuto un messaggio sul suo smartphone: “un dispositivo si sta muovendo con lei”.

Lei si è spaventata, non le era mai successo così tanto dice e a iniziato a correre verso casa.

Arrivata a casa ha svuotato il cappotto e dalla tasca è saltato fuori un medaglione bianco che lei non aveva mai visto.

Era un Apple Airtag, uno degli ultimi dispositivi della casa di Cupertino nato per consentire di tracciare le chiavi, i portafogli o le borse, evitare di perderli o ritrovarli in caso di furto o smarrimento.

Un “giocattolo tecnologico” di straordinaria utilità.

Niente di rivoluzionario, intendiamoci.

Continua a leggere o ascolta il podcast su HuffPostItalia.