Salta al contenuto

Governare il futuro – In Francia giro di vite contro i siti porno che non tengono fuori i minori.

Il problema è serio e avvertito come tale in tutto il mondo: online non tutto è per tutti ed esistono siti e piattaforme – come per esempio quelli porno – dai quali è bene che i minori restino fuori.

Facile a dirsi ma difficile a farsi.

La Francia, però, ora prova una ricetta nuova.

Il punto di partenza del ragionamento è semplice e incontrovertibile: i gestori delle piattaforme vietate ai minori dovrebbero fare in modo da lasciar fuori i minori.

Ma come si fa a riuscire nell’intento in un contesto come quello digitale nel quale, con poche eccezioni, ciascuno di noi è quello che decide di essere ed ha l’età che decide di avere?

Perché, ovviamente, il gestore di un sito porno può chiedere facilmente ai propri utenti di confermare di avere almeno diciott’anni ma, poi, se un ragazzino di quattordici, pur di entrare, dichiara di avere quattro anni in più cosa può fare?

Continua a leggere o ascolta il podcast su HuffPostItalia.