Salta al contenuto

Privacy Daily – 17 giugno 2021

Report sui progressi, l’impatto e le implicazioni a lungo termine dell’Intelligenza Artificiale (AI)

Un nuovo rapporto del Pew Research Center e dell’Imagining the Internet Center della Elon University ha rilevato che il 68% degli sviluppatori, leader aziendali e politici, ricercatori e attivisti hanno risposto di non credere che i principi etici incentrati sul bene pubblico saranno impiegati nella maggior parte dei progetti di intelligenza artificiale entro il 2030. Molti nutrono dubbi su come i progressi nell’intelligenza artificiale influenzeranno ciò che significa essere umani, essere produttivi ed esercitare il libero arbitrio. Pur tuttavia, una parte celebra le prossime scoperte dell’IA come migliorative della vita delle persone.

https://www.pewresearch.org/internet/2021/06/16/experts-doubt-ethical-ai-design-will-be-broadly-adopted-as-the-norm-within-the-next-decade/


Transatlantic Consumer Dialogue: “pubblicità basata sulla sorveglianza”

Il Transatlantic Consumer Dialogue (TACD) ha ospitato una discussione tra l’eurodeputata Alexandra Geese e la deputata Lori Trahan sulle soluzioni transatlantiche per proteggere i consumatori dalla “pubblicità basata sulla sorveglianza”. Oggi i consumatori sono posti affrontano una sorta di sorveglianza commerciale online in nome della pubblicità mirata. Ciò porta e rafforza una serie di problemi problematici, tra cui discriminazione, manipolazione, violazioni della privacy, proliferazione di disinformazione. Il ruolo della regolamentazione nell’affrontare la pubblicità basata sulla sorveglianza è attualmente al centro delle discussioni sia nell’UE che negli Stati Uniti

https://tacd.org/watch-transatlantic-discussion-time-to-ban-surveillance-based-advertising/


Ikea France multata per 1 milione di euro per violazione della privacy dei dipendenti

Un tribunale francese ha condannato IKEA a pagare una multa di 1 milione di euro (1,2 milioni di dollari) per aver spiato il suo personale francese, dopo che il più grande rivenditore di mobili del mondo è stato dichiarato colpevole di aver raccolto e archiviato in modo improprio i dati dei propri dipendenti. IKEA impiega circa 10.000 persone in Francia, il suo terzo mercato più grande dopo Germania e Stati Uniti, e ha sperimentato nuovi formati lì, incluso uno store lanciato nel 2019 nel cuore di Parigi.

https://www.reuters.com/business/retail-consumer/ikea-found-guilty-fined-12-mln-french-employee-spy-case-2021-06-15/