Salta al contenuto

Privacy Daily – 19 aprile 2021

Digital Rights Ireland: “Facciamo causa a Facebook”

L’associazione per i diritti digitali Digital Rights Ireland (DRI) ha annunciato di aver lanciato un’azione di massa nei confronti di Facebook, in virtù del diritto a compensazioni monetarie (risarcimenti) per violazioni di dati personali previsto dal Regolamento europeo sulla privacy (GDPR).

https://www.digitalrights.ie/facebook/


Violazione della privacy: i leader della chiesa britannica protestano contro il passaporto vaccinale

Un gruppo di leader della chiesa britannica si è riunito per esortare il primo ministro, Boris Johnson, a non adottare la politica dei passaporti per i vaccini . Più di 1.250 sacerdoti di diversi gruppi cristiani hanno firmato una lettera aperta a Johnson affermando che “l’introduzione di passaporti per i vaccini costituirebbe una forma non etica di coercizione e violazione del principio del consenso informato”.

https://www.wionews.com/world/breach-of-privacy-uk-church-leaders-protest-against-vaccine-passport-378460


Privacy fattore più importante per l’euro digitale, rileva un sondaggio della BCE

Un’indagine pubblica condotta dalla Banca centrale europea (BCE) ha rilevato che la privacy è la caratteristica più importante di un euro digitale per i consumatori. In un annuncio, la BCE ha confermato di aver ricevuto circa 8.200 risposte alla sua consultazione sulla questione.

Privacy most important factor for digital euro, ECB survey finds – CoinGeek

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *