Salta al contenuto

Privacy Daily – 4 ottobre 2021

La Global Encryption Coalition contro la proposta di legge del Governo Belga

Una coalizione internazionale di attivisti per la privacy ha lanciato un appello al governo belga affinché abbandoni i piani per tentare di accedere ai messaggi crittografati su app di messaggistica popolari. La legislazione proposta è “la più pericolosa di tutti gli Stati membri europei”, ha affermato la coalizione nella sua lettera aperta . “Se la legge arriverà in questa forma, ci uniremo a paesi come Russia, Arabia Saudita e Cina”, ha detto a Het Nieuwsblad, Bart Preneel (KU Leuven), che ha anche firmato la lettera aperta.

https://www.brusselstimes.com/news/belgium-all-news/187667/privacy-group-calls-on-belgium-to-stop-trying-to-snoop-on-private-communications/


Messaggio per le piattaforme di social media: tutelare le donne

Più di due dozzine di gruppi per i diritti, tra cui Amnesty International e AlgorithmWatch, hanno esortato i legislatori dell’UE a penalizzare aziende come Facebook, YouTube e Twitter se non riescono a reprimere gli abusi contro le donne. “La riluttanza delle piattaforme di social media a intraprendere azioni decisive per ridurre la violenza di genere online ha un impatto reale, non solo sulle vittime stesse, ma anche sulla democrazia, la libertà di espressione e l’uguaglianza di genere”, hanno scritto i gruppi in una lettera congiunta.

https://www.politico.eu/article/advocates-have-a-message-for-social-media-platforms-protect-women/


La politica europea sui dati: l’analisi di Samuel Stolton per Iapp.org

All’inizio di quest’anno si era parlato di ” intensificarsi ” dei negoziati tra la Commissione europea e il Dipartimento del commercio degli Stati Uniti su un nuovo accordo sui dati transatlantici, in sostituzione dell’accordo annullato del Privacy Shield. Un accordo era atteso entro la fine di settembre, ma ora è probabile che sia stato ulteriormente ritardato.

https://iapp.org/news/a/the-brussels-lowdown-data-policy-this-fall/