Salta al contenuto

Privacy Daily – 20 aprile 2022

Il web scraping è legale, afferma la corte d’appello degli Stati Uniti

Buone notizie per archivisti, accademici, ricercatori e giornalisti: secondo una sentenza della corte d’appello degli Stati Uniti, la raccolta di dati pubblicamente accessibili è legale. La sentenza storica del Nono Circuito di Appello degli Stati Uniti è l’ultima di una lunga battaglia legale promossa da LinkedIn con l’obiettivo di impedire a un’azienda rivale di raschiare sul web informazioni personali dai profili pubblici degli utenti. Il caso è arrivato alla Corte Suprema degli Stati Uniti l’anno scorso, ma è stato rinviato al Nono Circuito per la corte d’appello per riesaminare il caso.

Web scraping is legal, US appeals court reaffirms

Good news for archivists, academics, researchers and journalists: Scraping publicly accessible data is legal, according to a U.S. appeals court ruling. The landmark ruling by the U.S. Ninth Circuit of Appeals is the latest in a long-running legal battle brought by LinkedIn aimed at stopping a rival company from web scraping personal information from users’ public profiles. The case reached the U.S. Supreme Court last year but was sent back to the Ninth Circuit for the original appeals court to re-review the case.

https://techcrunch.com/2022/04/18/web-scraping-legal-court/


Il presidente catalano chiede indagini: spyware prende di mira i leader indipendentisti

Il presidente catalano ha chiesto al governo spagnolo di avviare un'”indagine ufficiale e indipendente” su come e perché lui e più di 60 figure associate al movimento per l’indipendenza regionale sarebbero stati presi di mira con telefoni cellulari, mediante l’utilizzo dello spyware Pegasus del gruppo NSO. Pere Aragonès ha dichiarato al Guardian che il presunto attacco, rivelato lunedì dagli esperti di sicurezza informatica di Citizen Lab, ha costituito una violazione dei diritti individuali, un attacco alla democrazia e una minaccia al dissenso politico.

Catalan president calls for investigation as spyware targets pro-independence leaders

has called on the Spanish government to launch an “official and independent investigation” into how and why he and more than 60 figures associated with the regional independence movement reportedly had their mobile phones targeted using NSO Group’s Pegasus spyware. Pere Aragonès told the Guardian that the alleged targeting, revealed by Citizen Lab cybersecurity experts on Monday, constituted a violation of individual rights, an attack on democracy, and a threat to political dissent.

https://www.theguardian.com/world/2022/apr/19/catalan-president-calls-for-investigation-as-spyware-targets-pro-independence-leaders


Il governatore della Virginia firma la legge sull’emendamento sul Virginia Consumer Data Protection Act (VCDPA)

L’11 aprile 2022, il governatore della Virginia Glenn Youngkin ha firmato tre progetti di legge di emendamento del Virginia Consumer Data Protection Act (VCDPA). I tre disegni di legge entreranno in vigore il 1° luglio 2022. Con la firma dei disegni di legge, il testo del VCDPA è ora finalizzato in anticipo rispetto alla data di entrata in vigore del 1° gennaio 2023. L’anno scorso, la Virginia è diventata il secondo stato ad approvare la legislazione sulla privacy dei dati dei consumatori quando i legislatori hanno approvato il Virginia Consumer Data Protection Act (VCDPA).

Virginia Governor Signs VCDPA Amendment Bills into Law

On April 11, 2022, Virginia Governor Glenn Youngkin signed three Virginia Consumer Data Protection Act (VCDPA) amendment bills into law. The three bills will go into effect July 1, 2022. With the signing of the bills, the VCDPA’s text is now finalized in advance of its January 1, 2023 effective date. Last year, Virginia became the second state to pass consumer data privacy legislation when lawmakers passed the Virginia Consumer Data Protection Act (VCDPA).

https://www.bytebacklaw.com/2022/04/virginia-governor-signs-vcdpa-amendment-bills-into-law/