Salta al contenuto

Privacy Daily -22 ottobre 2021

Microsoft chiude LinkedIn in Cina durante la repressione tecnologica di Pechino

Microsoft afferma che chiuderà LinkedIn in Cina, citando un “ambiente operativo difficile” mentre Pechino rafforza il controllo sulle aziende tecnologiche.

La società con sede negli Stati Uniti sostituirà il social network orientato alla carriera in Cina con un’applicazione dedicata alla domanda di lavoro ma senza le funzionalità di rete, secondo il vicepresidente senior dell’ingegneria, Mohak Shroff.

https://www.theguardian.com/world/2021/oct/15/microsoft-to-shut-linkedin-in-china-amid-beijing-tech-clampdown


Il CEO di Google chiede un’azione del governo in materia di sicurezza informatica e innovazione

Sundar Pichai, amministratore delegato di Google e della società madre Alphabet Inc., ha affermato che il governo degli Stati Uniti dovrebbe assumere un ruolo più attivo nel controllare gli attacchi informatici e incoraggiare l’innovazione con politiche e investimenti.

Sulla scia delle recenti violazioni della sicurezza informatica attribuite ad hacker cinesi e russi, Pichai ha affermato che è giunto il momento di redigere l’equivalente di una Convenzione di Ginevra per la tecnologia per delineare gli standard legali internazionali per un mondo sempre più connesso.

https://www.bangkokpost.com/business/2200767/google-ceo-calls-for-government-action-on-cybersecurity-innovation


SIAE: Garante privacy, aperta un’istruttoria su data breach

In relazione al data breach subìto dalla Siae, il Garante per la protezione dei dati personali informa di aver aperto un’istruttoria.

La Società italiana autori ed editori aveva ieri notificato all’Autorità, entro i termini previsti dalla normativa sulla privacy, la violazione dei suoi server a causa di un attacco hacker con finalità estorsive.

SIAE: Garante privacy, aperta un’istruttoria su data breach – Garante Privacy