Salta al contenuto

Privacy Daily – 26 giugno 2021

L’app che paga per raccogliere informazioni open source

Il Wall Street Journal riferisce di Premise, un’applicazione che paga i gig worker per raccogliere informazioni open source per una serie di clienti privati ​​e pubblici, comprese le agenzie governative degli Stati Uniti. L’app ha dichiarato di aver guadagnato $ 5 milioni su appalto governativo a partire dal 2017. Le fonti di dati includono reti Wi-Fi, ripetitori cellulari e dispositivi mobili, con vari tipi di dati prelevati da ciascuno. L’amministratore delegato della premessa, Maury Blackman, ha affermato che la raccolta dei dati non è un lavoro di intelligence perché è “disponibile per chiunque abbia un cellulare”.

https://www.wsj.com/articles/app-taps-unwitting-users-abroad-to-gather-open-source-intelligence-11624544026


Pubblicato l’ordine esecutivo del presidente Biden sulla protezione dei dati sensibili degli americani da possibili avversari stranieri. L’ordine cerca di rafforzare la sicurezza nazionale migliorando le capacità e le pratiche del settore pubblico e privato relative alla sicurezza informatica e ai rischi della catena di approvvigionamento.L’ultimo ordine esecutivo si concentra principalmente sulla protezione dai rischi “associati alle applicazioni software connesse progettate, sviluppate, prodotte o fornite da persone possedute o controllate da, o soggette alla giurisdizione o alla direzione di un avversario straniero”.

https://www.jdsupra.com/legalnews/biden-s-executive-order-on-protecting-9545272/


Il progetto di legge cinese sulla protezione dei dati crea nuovi rischi

La Commissione per gli affari legislativi del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo ha pubblicato la seconda bozza di revisione della legge sulla protezione dei dati personali per la consultazione pubblica che segna lo sviluppo e il miglioramento del sistema legale cinese per la sicurezza delle informazioni personali. Le nuove norme non sono esenti da problemi.

https://law.asia/china-draft-data-protection-law-creates-new-risks/