Salta al contenuto

Privacy Daily – 26 ottobre 2021

I dati sanitari necessitano di maggiore tutela Il rapporto di Lancet and Financial Times Commission on Governing Health Futures

I governi dovrebbero migliorare la trasparenza e la responsabilità nell’uso dell’intelligenza artificiale nel settore sanitario, creare nuove istituzioni per supervisionare le informazioni sanitarie raccolte dalle aziende tecnologiche e promuovere la “solidarietà dei dati” per bilanciare il commercio con i benefici pubblici. Sono queste alcune delle raccomandazioni prodotte dalla Lancet and Financial Times Commission on Governing Health Futures, che ha riunito 19 specialisti di 14 paesi per esaminare le tendenze recenti.

https://www.ft.com/content/0315b91e-87a8-4c56-abca-7d436ece1aa4


Bambini e adolescenti, tra i più vulnerabili in termini di protezione dei dati

“Con le tecnologie dell’informazione che crescono sempre più in tutto il mondo, la protezione dei dati personali, in particolare di bambini e adolescenti, è diventata una questione prioritaria per le autorità vigilanti”, ha detto in un’intervista il commissario dell’INAI, Josefina Román Vergara, nell’ambito della Global Privacy Assembly 2021 (GPA), che si è svolta in Messico dal 18 al 21 ottobre.

https://www.eleconomista.com.mx/tecnologia/Ninas-ninos-y-adolescentes-de-los-mas-vulnerables-en-materia-de-proteccion-de-datos-20211018-0128.html


La privacy dei bambini al centro dell’attenzione

L’Office of the Australian Information Commissioner (OAIC) ricorda agli australiani l’importanza di proteggere la privacy dei bambini, specialmente nel mondo digitale.Angelene Falk, Commissario australiano per l’informazione e Commissario per la privacy, ha affermato che le imprese, i genitori e i governi devono lavorare insieme per proteggere i bambini all’interno dell’ambiente digitale.”I bambini trascorrono sempre più tempo online per connettersi con gli amici, imparare e divertirsi”, ha affermato il commissario Falk. “Molti servizi online sono progettati per attirare i bambini, ma potrebbero non essere sempre sicuri o proteggere la loro privacy.

Children’s privacy in focus – Home (oaic.gov.au)