Salta al contenuto

Privacy Daily – 6 marzo 2021

Le app per la salute mentale e la condivisione dei dati

Digita salute mentale, ansia e depressione nella barra di ricerca inizieranno a scorrere app per la salute mentale. Come ha scoperto una recente indagine di Consumer Reports, queste app adottano approcci molto vari per aiutare le persone a gestire le sfide psicologiche e sono altrettanto varie nel modo in cui gestiscono la privacy dei propri utenti. Queste app sono strumenti particolarmente importanti in tempi di Coronavirus e isolamento. Quattro americani su dieci hanno riferito di aver sperimentato depressione o a ansia a causa della pandemia. Le app per la salute mentale adottano strategie diverse per fornire aiuto. Alcuni mettono in contatto con terapisti autorizzati tramite video. Le conversazioni con i terapisti sono in genere coperte dalle stesse regole sulla privacy sanitaria statali e federali che si applicano alla terapia di persona o all’appuntamento di qualsiasi medico. Ma le stesse app o dal suono simile possono fornire meditazioni guidate, diari di monitoraggio dell’umore, chatbot terapeutici ed esercizi di terapia cognitivo comportamentale. I dati personali non sono sempre al sicuro.

https://www.komando.com/security-privacy/mental-health-app-privacy/781483/


Il webinar ID4Africa esamina la tracciabilità delle nascite e la biometria sui bambini

In occasione del webinar ID4Africa in cui si è affrontato il tema della registrazione e della biometria applicata ai più piccoli, il dottor Aaron Ramodumo del DHA sudafricano ha discusso la posizione del suo paese, tra i più attivi in Africa, sulla tracciabilità dell’identità dei neonati, i numeri ID univoci e il collegamento dei neonati ai loro genitori, nonché la sua transizione progressiva verso l’uso della modalità biometrica per l’identificazione delle persone. Il nuovo sistema di tracciamento sudafricano dovrebbe entrare in funzione nel 2024 e fornire funzionalità per impronte del palmo, impronte digitali, impronta, biometria del viso e dell’iride.

https://www.biometricupdate.com/202103/infant-biometrics-nearing-practicality-for-birth-registration-but-technical-and-legal-challenges-remain


L’ hacking contro SolarWinds Orion e la maggiore consapevolezza sull’importanza dei dati e sull’esigenza di difenderli

Nella primavera del 2020, SolarWinds Orion, popolare software di monitoraggio e gestione del sistema utilizzato dal governo degli Stati Uniti e da migliaia di aziende private, è stato violato e infiltrato con un malware. A seguito dell’hacking, i dati sensibili di molte aziende sono stati compromessi come anche quelli di diverse istituzioni quali la Securities Exchange Commission (SEC), il Pentagono, il Dipartimento per la sicurezza interna, il Dipartimento di Stato, il Dipartimento dell’energia, l’Amministrazione nazionale per la sicurezza nucleare, Dipartimento di Giustizia e Tesoro degli Stati Uniti. La vicenda ha contribuito alla sensibilizzazione sull’importanza dei dati, sulla privacy e per incoraggiare ad una pianificazione proattiva per proteggerli.

https://www.cpomagazine.com/cyber-security/reflecting-back-on-data-privacy-day-2021-why-this-day-mattered-more-than-ever-before/