Salta al contenuto

#cosedagarante – L’agenda della settimana (14-20 dicembre)

La prossima settimana è Natale, un Natale in mezzo alla pandemia contro la quale combattiamo da quasi un anno, ma pur sempre Natale.

Questa, probabilmente, sarà, quindi, una settimana intensa nella quale affrontare le questioni che non possono attendere il 2021.

Ecco, per il momento, l’agenda della settimana:

Tra oggi e domani si lavorerà all’esame dei risultati, straordinari per davvero, del legal hackathon finito ieri per riflettere su come il lavoro fatto e la tempesta di creatività che ci ha travolti possa esser messa a profitto così da provare, anche fuori dalla dimensione competitiva, a rendere le informative per la privacy sempre più efficaci per davvero.

C’è poi la questione Revenge Porn, Pornhub e suoi emuli che dobbiamo iniziare a affrontare perché così, come ho spiegato qui, non funziona e perché, probabilmente, c’è un modo per far meglio e di più dalla parte delle donne e contro la violenza.

Stay tuned perché all’inizio del 2021 credo e spero riusciremo a annunciare qualche importante iniziativa del Garante per il contrasto al revenge porn.

Questa settimana, frattanto, sempre per restare in materia, comincerà a uscire qualche video di straordinari Youtuber ragazzini (e ex ragazzini) che hanno deciso di aiutarci a raccontare ai loro coetanei che dal sexting a ritrovarsi soli con un grande problema il passo è breve ma che, se qualcosa andasse storto, oltre che a parlarne in famiglia si può anche scrivere al Garante per chiedere una mano.

#senzavergogna perché non c’è davvero niente di cui vergognarsi nell’aver voglia di sperimentare, conoscere o fidarsi del prossimo.

Domani registrerò una lezione destinata a insegnanti e professori della scuola nell’ambito di un bel progetto di Telefono Azzurro perché per diffondere la cultura della privacy nel Paese bisogna innanzitutto partire dalla scuola formando i formatori.

Sul tavolo di lavoro tra oggi e mercoledì una serie di provvedimenti che approderanno all’adunanza di giovedì.

Tra i temi all’ordine del giorno il parere per il call center Immuni e alcune iniziative, anche sanzionatorie, nei confronti, per lo più, di soggetti pubblici che hanno avuto un po’ poco rispetto delle regole della privacy e, prima ancora, dei cittadini.

Mercoledì sera parteciperò a un confronto che si preannuncia stimolante organizzato da Privacy Network su un tema che mi sta particolarmente a cuore da ben prima che varcassi la soglia del Palazzo del Garante: il riconoscimento facciale.

Dobbiamo trovare una risposta ponderata, efficace e, naturalmente, coerente con le decisioni che si stanno assumendo nel contesto europeo e internazionale.

In settimana, inoltre, iniziamo a sentire qualche stakeholder sulle linee guida cookie in consultazione.

Il venerdì, poi, non sarà solo per gli auguri di Natale, forzatamente a distanza, con il personale del Garante ma anche per un paio di eventi destinati a diffondere la cultura della privacy in diversi ambiti professionali.

Come di consueto, ogni commento, suggerimento, invito alla lettura e, naturalmente critica su queste questioni è benvenuto qui o contattando direttamente segreteria.scorza @ gpdp.it .

Buona settimana a tutte/i!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *