Salta al contenuto

I cinesi sorvegliano gli uiguri via Facebook

Quella degli Uiguri, una minoranza islamica che vive prevalentemente in Cina in quello che il New Yorker, in una sua inchiesta, ha appena definito lo “Stato carcerario dello Xinjiang” è, probabilmente, una delle storie più attuali e drammatiche di repressione e sorveglianza di Stato nei confronti, appunto, di una minoranza etnica tanto da essere ora al centro di uno scontro d’altri tempi tra le diplomazie occidentali e quelle cinese e russa.

Continua a leggere su Huffington