Salta al contenuto

Privacy Daily – 20 marzo 2021

La CGUE pubblica la scheda informativa della giurisprudenza sulla protezione dei dati

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea pubblica la scheda informativa aggiornata sulla giurisprudenza sulla protezione dei dati. In particolare, la scheda informativa fornisce sintesi della giurisprudenza pertinente applicabile ai seguenti settori:i l diritto alla protezione dei dati personali riconosciuto dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea; il trattamento dei dati personali ai sensi della direttiva relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali e alla libera circolazione di tali dati (direttiva 95/46 / CE); il trattamento dei dati personali ai sensi della Direttiva sulla vita privata e le comunicazioni elettroniche (Direttiva 2002/58 / CE); trasferimento di dati personali a paesi terzi; protezione dei dati personali su Internet; autorità nazionali di vigilanza; applicazione territoriale della normativa UE; e diritto di accesso del pubblico ai documenti delle istituzioni dell’Unione europea e protezione dei dati personali.

https://curia.europa.eu/jcms/upload/docs/application/pdf/2018-10/fiche_thematique_-donnees_personnelles-_en.pdf


Australia: proposta un’app per il consenso sessuale

Il commissario di polizia del New South Wales (NSW) secondo cui un’app potrebbe essere utilizzata per registrare il consenso sessuale. Mick Fuller ha sostenuto l’idea di un’app in cui le persone potessero registrare digitalmente il loro accordo reciproco per fare sesso. Ha detto che la tecnologia potrebbe essere utilizzata per stabilire un “consenso positivo”. Molti hanno criticato la proposta sottolineando tra l’altro come sia suscettibile di abusi.

https://www.bbc.com/news/world-australia-56438560


Francia: pubblicate raccomandazioni sulle migliori pratiche di telemedicina

L’Autorità nazionale francese per la salute (“HAS”) ha pubblicato, i criteri di ammissibilità e le raccomandazioni per le migliori pratiche riguardanti l’uso delle tecnologie di telemedicina da parte degli operatori sanitari. Più specificamente, i criteri intendono garantire la sicurezza e la qualità dei dati sanitari trattati durante tutto il processo di fornitura dei servizi di telemedicina, ricordando agli operatori sanitari l’importanza del rispetto delle leggi applicabili, in particolare la protezione dei dati personali e il mantenimento della riservatezza medico-paziente.

https://www.has-sante.fr/upload/docs/application/pdf/2021-03/qualite_et_securite_du_telesoin_-criteres_deligibilite_et_bonnes_pratiques_pour_la_mise_en_oeuvre-_rapport_delaboration.pdf