Salta al contenuto

Privacy Daily – 22 Novembre 2022

Procuratori USA chiedono all’FTC limiti alla raccolta dei dati

MediaPost riporta che 31 procuratori generali degli Stati degli Stati Uniti hanno scritto una lettera alla Federal Trade Commission nella quale chiedendo limiti obbligatori per la raccolta dei dati, affermando che i consumatori sono “costretti a condividere più dati personali di quando dovrebbero” in base all’attuale regime. “È fondamentale che la Commissione prenda in considerazione i requisiti di minimizzazione dei dati”, scrivono i procuratori generali in una nota promossa in particolare dal procuratore generale del Massachusetts (e governatore eletto) Maura Healey, cui si sono uniti procuratori generali bipartisan di altri 31 stati e del Distretto di Columbia.

https://www.mediapost.com/publications/article/379909/attorneys-general-want-ftc-to-limit-data-collectio.html


L’Information Commissioner’s Office (ICO) UK: trasferimenti internazionali, potenziare innovazione e crescita proteggendo le informazioni personali

L’ufficio del Commissario per le informazioni del Regno Unito ha annunciato nuove linee guida e nuove risorse per le valutazioni del rischio di trasferimento dei dati. L’ICO ha affermato che la sua guida presenta un “approccio alternativo e realizzabile” rispetto alle linee guida del Comitato europeo per la protezione dei dati, parlando di un processo di valutazione “ragionevole e proporzionato”. Lo strumento di valutazione lanciato dall’ICO pondera il rischio in base alla circostanza “se il trasferimento aumenta in modo significativo il rischio di violazione della privacy o di altri diritti umani”.

https://ico.org.uk/about-the-ico/media-centre/news-and-blogs/2022/11/blog-international-transfers-empowering-innovation-and-growth-whilst-protecting-people-s-personal-information/


Metaverso non solo per giovani, in Italia attrae ‘over 36’

Il metaverso non è solo un posto per giovani, anzi la nuova realtà tecnologica attrae maggiormente gli ‘over 36’. I ragazzi sotto i 25 anni, contrariamente a quanto ci si possa aspettare, si dimostrano più indecisi e hanno paura si perda il contatto con la vita fisica. Sono alcuni dati che emergono dalla ricerca condotta da Ipsos e dall’Osservatorio sul Metaverso che toglie il velo a dubbi e curiosità degli italiani nei confronti di questa nuova realtà immersiva che genera comunque diffidenza su accessibilità e anche a livello economico.

https://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/hitech/2022/11/18/metaverso-non-solo-per-giovani-in-italia-attrae-over-36_bae8db1a-d7dd-4f7a-97ff-e47da48da6ea.html