Salta al contenuto

Privacy Daily – 3 marzo 2021

La Corte di giustizia dell’Unione europea precisa le condizioni sull’accesso ai dati personali nelle indagini penali

L’accesso per fini penali ad un insieme di dati di comunicazioni elettroniche relativi al traffico o all’ubicazione, che permettano di trarre precise conclusioni sulla vita privata, è autorizzato soltanto allo scopo di contrasto a gravi forme di criminalità o di prevenzioni a gravi minacce alla sicurezza pubblica. La sentenza in particolare si rivolge a un caso estone, ma i principi stabiliti dalla Corte Ue si applicano in tutti i Paesi. Sarà indispensabile una riflessione anche in Italia.

https://curia.europa.eu/jcms/upload/docs/application/pdf/2021-03/cp210029it.pdf


Russia: la Duma approva emendamenti che rafforzano la tutela dei dati personali

La Duma ha approvato emendamenti alla legge federale sui dati personali, con la previsione di una protezione aggiuntiva dei dati personali ed alle condizioni per il consenso. La Duma ha sottolineato che il silenzio o l’inazione non possono essere considerati un valido consenso al trattamento dei dati personali.

http://duma.gov.ru/news/50866/


Facebook Oversight Board modifica i termini per i ricorsi

Il Consiglio di Sorveglianza indipendente di Facebook Inc sta cambiando le regole relative ai termini per decidere i ricorsi proposti. “Questo aggiornamento contribuirà a garantire che tutti i casi abbiano lo stesso periodo di tempo per la deliberazione, indipendentemente dal momento in cui il caso è stato deferito alla bacheca da Facebook o da un utente”, ha detto il social network in una dichiarazione.

Facebook Oversight Board changes timeline rules for action on case appeals | Reuters