Salta al contenuto

Privacy Daily – 31 luglio 2021

Maxi multa ad Amazon per violazione norme Ue privacy

L’autorità lussemburghese per la protezione dei dati ha inflitto una multa record ad Amazon da 746 milioni di euro, per violazione delle norme Ue sulla privacy. Lo rende noto la stessa società, precisando di essere “fortemente in disaccordo con la sentenza dell’Autorità per la Privacy lussemburghese Cnpd” e annuncia ricorso. “La decisione relativa al modo in cui mostriamo ai clienti pubblicità rilevante, si basa su interpretazioni soggettive e inedite della normativa europea sulla privacy e la sanzione proposta è del tutto sproporzionata anche rispetto a tale interpretazione”, aggiunge Amazon.

https://www.reuters.com/business/retail-consumer/amazon-hit-with-886-million-eu-data-privacy-fine-2021-07-30/


Cookie: le FAQ aggiornate

Cosa sono i cookies? I cookie sono stringhe di testo che i siti web visitati dagli utenti (cd. Publisher, o “prime parti”) ovvero siti o web server diversi (cd. “terze parti”) posizionano ed archiviano all’interno del dispositivo terminale dell’utente medesimo, perché siano poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Cookie e le FAQ aggiornate sul sito del Garante www.garanteprivacy.it.

https://www.garanteprivacy.it/faq/cookie


New York: DoorDash, Uber Eats dovranno condividere i dati personali dei clienti con i ristoranti

I sostenitori della privacy sul piede di guerra per un nuovo disegno di legge del Consiglio di New York che costringerebbe DoorDash, Uber Eats e app simili, utilizzate principalmente per la consegna del cibo, a condividere i dati personali dei clienti con i ristoranti. La città di New York ha anche limitato le tariffe di queste app di consegna allo scopo di sostenere i ristoranti a sopravvivere alla pandemia da COVID-19.

https://www.engadget.com/new-york-city-food-delivery-caps-extended-145712985.html