Salta al contenuto

#cosedagarante – L’agenda della settimana (18-24 gennaio)

Ogni volta che arriva il momento di scrivere l’agenda della prossima settimana mi chiedo la stessa cosa: possibile che siamo già di nuovo a lunedì?

La verità è che quando hai la fortuna di fare qualcosa che ti piace il tempo corre più veloce di quello che suggerisce l’orologio e, soprattutto, che sette giorni sono troppo pochi per la quantità di cose da fare e per il numero di idee, di stimoli e, anche se fortunatamente in misura minore, di critiche che si raccolgono.

Ma, comunque, è di nuovo lunedì.

La settimana inizierà come è finita la precedente ragionando e discutendo della questione whatsapp in pubblico e in privato, in alcune interviste e qui al Garante.

Come, ormai, noto, dopo il nostro comunicato con il quale abbiamo annunciato l’intenzione di agire anche in via d’urgenza per difendere gli utenti che usano Whatsapp dall’Italia dal rischio di dover cliccare su “accetto” senza sufficiente consapevolezza – ma, certamente, non solo per il nostro comunicato – Whatsapp ha annunciato il differimento della data dell’8 febbraio al 15 maggio.

È un’ottima notizia e il gesto di Whatsapp è, importante, prezioso, apprezzabile.

Ma il problema, naturalmente, resta e ora dobbiamo cercare un modo di risolverlo.

Io sono sempre un fautore della tesi secondo la quale i problemi più complessi si affrontano con e non contro qualcuno. Vediamo.

Prima di voltar pagina, consentitemi, però un grazie sincero e non convenzionale ai nostri uffici per il ritmo, la competenza e la determinazione con la quale ci hanno consentito di “stare sul pezzo” e di fare la cosa giusta.

Prima o poi vi farò i nomi, una per una più che uno per uno – perché il numero di funzionarie donne dell’Autorità è enormemente superiore a quello degli uomini – delle eroine (ma anche di qualche eroe) dei nostri uffici che, nell’ombra, lavorano nell’interesse comune ma, prima, devo dare loro un’informativa privacy e chiedere il consenso!

Tra tante questioni alle quali lavoreremo, insieme ai colleghi del Collegio, in settimana c’è una questione che mi sta particolarmente a cuore: l’utilizzo della biometria per il rilevamento delle presenze sul luogo di lavoro. Qui non possiamo sbagliare.

Si proseguirà, inoltre, a lavorare sul nuovo draft delle linee guida sui cookie sulla base delle decine di risposte importanti, nella più parte dei casi, ragionate, ponderate e bilanciate, ricevute alla consultazione pubblica appena terminata.

Le idee non mancano ma ora si tratta di coniugare le legittime ambizioni di tutti con le regole europee e con l’interpretazione che ne è già stata data dal EDPB e alla quale, ovviamente, dobbiamo tutti allinearci perché altrimenti addio all’uniformità di regole che rappresenta – o almeno dovrebbe – la forza del GDPR.

La mia settimana si chiuderà – per modo di dire perché non finisce mai il venerdì! – con l’inaugurazione del Corso “Data Protection Officer e Information Security” dell’Università di Tor Vergata.

Non è tutto ma, forse, abbastanza per restare in contatto durante i prossimi sette giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *