Guido Scorza

Internet, diritto e politica dell'innovazione

Blog

L’accesso a Internet è un diritto umano

8 luglio 2012

Nel corso del suo ventesimo meeting, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha ribadito che ogni essere umano ha diritto a vedersi riconoscere online gli stessi diritti che gli sono riconosciuti off line a cominciare proprio dalla libertà di manifestazione del pensiero.

Le Nazioni unite hanno, quindi, invitato tutti i Governi dei diversi Paesi a promuovere e facilitare l’accesso a Internet.

E’ un documento importante la risoluzione A/HCR/20/L.13 che verrà pubblicata nei prossimi giorni, un documento che segna una strada di non ritorno anche per quei Paesi che, più a lungo, hanno ostacolato – ed ancora cercano di ostacolare – l’accesso e l’utilizzo di Internet come strumento di circolazione delle idee e delle informazioni e insostituibile mezzo di attuazione dei diritti fondamentali dell’uomo e del cittadino.

La risoluzione che andrà letta e fatta leggere a chi ci governa, costituisce, ad un tempo, un monito ai Governi di Paesi come il nostro che, sin qui, hanno guardato alla Rete, prevalentemente, come ad un pericoloso concorrente dei media tradizionali o come uno strumento capace di abilitare forme di partecipazione democratica alla vita civile alle quali la classe politica dirigente non è, evidentemente, abituata.

Ora, non deve e non può più esserci spazio per ambiguità o ritardi: l’accesso a Internet va garantito a tutti i cittadini perché è un nostro diritto umano.

Varrà, forse, la pena rispolverare dagli archivi il disegno di legge attraverso il quale, Stefano Rodotà ha, a suo tempo, proposto di inserire nella nostra Costituzione un art. 21 bis relativo appunto al diritto di tutti i cittadini di accedere a Internet a parità di condizioni.

Tags:
Category: Main themes
Add Comment Add yours ↓

Your Comment