Mostra 10 Risultato(i)
Privacy Daily

PRIVACYDAILY n. 241 – 08.01.2024

VERSIONE ITALIANA USA, ALCUNE SOCIETA’ TECH FANNO CAUSA ALLO STATO DELL’OHIO PER UNA LEGGE CHE LIMITA L’USO DEI SOCIAL PER I MINORILa legge dello stato dell Ohio, che entrerà in vigore il prossimo gennaio, che limita l’uso dei social per i minori è stata presentata come un modo per proteggere la loro salute mentale. Il …

Privacy Daily

PRIVACYDAILY n. 211 – 17.11.2023

VERSIONE ITALIANA USA, META CHIEDE LEGGI SUL PARENTAL CONTROL PER I MINORI DI 16 ANNII ragazzi vivono immersi nel mondo digitale e ogni giorno, oltre a navigare, acquistano e scaricano molteplici App. Antigone Davis, responsabile globale della sicurezza di Meta, in un post pubblicato mercoledì scorso ha affermato di sostenere la legislazione federale che prevede …

Eventi

Learning More Festival

Ho avuto il piacere di partecipare al Learning More Festival di Modena. Il primo appuntamento si è tenuto in mattinata nell’aula magna di Giurisprudenza ed è stato l’occasione per incontrare gli studenti del Liceo Scientifico Manfredo Fanti con i quali ho ripercorso brevemente le tappe del mio percorso professionale. Ho avuto modo anche di parlare …

Senza categoria

Gogna web doppia violenza

Oggi sono stato intervistato per commentare i recenti fatti di cronaca avvenuti al Foro Italico e sulle implicazioni legate alla diffusione dei video.  Qui il link all’intervista completa https://www.rainews.it/tgr/sicilia/video/2023/08/il-garante-della-privacy-la-gogna-social-doppia-violenza-rischi-per-chi-scarica-i-video-17241cd8-deb5-4b60-b939-7b12a5ce88aa.html?nxtep

Senza categoria

UNO MATTINA ESTATE

Ieri a UNO MATTINA ESTATE partendo dagli ultimi fatti di cronaca con Tiberio Timperi ho discusso di privacy, social network e ragazzi Qui potete vedere l’intervento integrale https://www.raiplay.it/video/2023/08/UnoMattina-Estate—Puntata-del-25082023-3a9f9188-1551-4dcd-98ea-aced8670b620.html

cosedagarante

UNO MATTINA ESTATE

“Dobbiamo smettere di parlare di nativi digitali perché non esistono. È un’espressione che crea nei più giovani l’illusione di sapere tutto del digitale e solleva gli adulti dal loro dovere di guidarli e educarli a un uso consapevole del digitale”